I consigli per fare buone cose!!!

Qui di seguito potete trovare alcuni punti essenziali per i giovani che vogliono intraprendere un lavoro che abbia come base la propria creatività, sia esso quello di un designer piuttosto che quello di chi deve trovare una soluzione operativa per una qualsiasi azienda. Questi punti non servono certo solo ai giovani, ma in realtà possono essere utilizzati da tutti coloro i quali abbiano il desiderio di emergere con le proprie idee.

In un mondo piuttosto piatto, in un mondo “italiano” dove sembra che le eccellenze non servano ormai più…

Sono otto punti che ho trovato in rete e che metto a disposizione di chi volesse utilizzarli o semplicemente leggerli e ragionarci un pò sopra.

  1. Prova a dire “NO” ai progetti  che ti portano lontano dai tuoi obiettivi creativi  piuttosto che avvicinarti, per quanto lusinghieri o remunerativi. (Hugh MacLeod ha messo splendidamente in evidenza: “La cosa più importante che una persona creativa può imparare professionalmente è dove tracciare la linea rossa che separa ciò che si è disposti a fare, da ciò che non lo si è disposti.”)
  2. Affrontare il vostro lavoro creativo con gioia, altrimenti diventa solo lavoro. (Come Ray Bradbury ha dichiarato: “La scrittura non è una cosa seria. E ‘una gioia e una festa. Ci si dovrebbe divertire con essa.”)”Ho imparato a scrivere scrivendo. Ho la tendenza a fare qualsiasi cosa purché si percepisca come un’avventura, e mi fermo quando si percepisce come il lavoro – il che significa che la vita non ha voglia di lavoro, ma di gioa e divertimento.”
  3. Abbraccia la paura del fallimento. Fai la pace con la sindrome dell’impostore che arriva con il successo. Non avere paura di sbagliare.
  4. Quando le cose si fanno difficili, produci qualcosa che sia buona arte.”A volte la vita è dura. Le cose vanno male –  nella vita,  in amore, negli affari e nell’amicizia,  nella salute e in tutti gli altri ambiti in cui la vita può andare per il verso sbagliato.  Quando le cose si fanno difficili, questo è quello che dovresti fare: produci qualcosa che sia buona arte. Dico sul serio. La moglie scappa con un uomo di potere? Produci qualcosa che sia buona arte. Ti si rompe una gamba  o hai subito un attacco  da un boa constrictor? Produci qualcosa che sia buona arte. Gli interessi del tuo mutuo crescono a dismisura? Produci qualcosa che sia buona arte. Il tuo cane o il tuo gatto muore? Produci qualcosa che sia buona arte. Qualcuno su internet pensa che quello che stai facendo è stupido, o sbagliato, o in quello che fai non c’è niente di originale perché tutto è già stato fatto prima? Produci qualcosa che sia buona arte.
  5. Produci la tua arte, racconta la tua storia, trova la tua voce – anche se si inizia copiando da altri.
  6. È possibile ottenere un lavoro grazie ad una storia che racconti di te, anche se questo significa abbellire o ingigantire, ma continuerai a lavorare perché dimostrerai di essere bravo.
  7. Gioisci del tuo buon lavoro e delle tue piccole vittorie, non farti travolgere dal successivo obiettivo prima di aver ottenuto pienamente il risultato e aver gioito del precedente.
  8. Questa è un’epoca in cui il paesaggio creativo è in continuo mutamento. Le regole sono in panne, i guardiani sono stati sostituiti e allontanati. Ora è il momento di costruire da soli le proprie regole.

Gaiman riassume in questo modo:

“Andate e fate errori interessanti, commettete errori incredibili, commettere errori gloriosi e fantastici. Rompete le regole. Lasciate il mondo più interessante per il solo fatto di esserci. Producete qualcosa. Producete qualcosa di buono. Producete qualcosa che sia  buona arte.”

Related Posts

Comments are closed.